Storia dell’Omino Michelin, simbolo degli pneumatici

Storia dell’Omino Michelin, simbolo degli pneumatici

25/02/2019 Non attivi Di budapneumatici

Nel 2018 ha compiuto 120 anni un simbolo davvero conosciuto e diventato evergreen nel mondo degli pneumatici: l’omino Michelin. Per i pochi che non lo sapessero, si tratta della mascotte della famosa azienda produttrice di pneumatici, giustappunto la Michelin, dal colore tipicamente bianco e composto da camere d’aria di gomme.
La sua storia è ricca davvero di curiosità ed aneddoti. Scopriamo i più importanti qui sotto.

LEGGI ANCHE: Tipologie pneumatici invernali: quali comprare e quali no

Omino Michelin: l’origine

È il 1894 quando Edouard Michelin, fondatore della celebre azienda costruttrice di pneumatici, osservando una pila di gomme all’Esposizione Universale e Coloniale di Lione afferma: “con un paio di braccia in più quella pila sembrerebbe un omino!”. Si tratta più che altro di un’intuizione curiosa divenuta realtà in un manifesto pubblicitario del solo 1898. Realizzato dal disegnatore O’Galop, il manifesto mostra l’omino che conosciamo tutti che regge un bicchiere con un braccio. Sopra, vi è la scritta: “Nunc est bibendum” che tradotto dal latino significa “Ora bisogna bere”. Si tratta di una citazione del poeta Alceo.
Sotto, invece, vi è scritto “Le pneu Michelin boit l’obstacle!”, che tradotto dal francese vuole dire “Gli pneumatici Michelin superano l’ostacolo”.

LEGGI ANCHE: Gomme invernali o estive: quali usare in caso di pioggia?

Omino Michelin: l’evoluzione

La prima apparizione della celebre guida Michelin è datata 1900 ed in questo caso l’omino aveva le sembianze di una specie di Cicerone col compito di fornire consigli utili su realtà gastronomiche e alberghi, dapprima in Francia e poi nel resto del mondo.
Grazie a questa guida, l’Omino Michelin cambia anche il suo aspetto: dal 2000 si evolve e acquisisce le gambe, assume le sembianze di un uomo sofisticato, a volte appare con i baffi ed il sigaro, altre volte ancora ha addirittura gli occhiali.
Solo dal 2017, riassume le sembianze originali tornando agli albori del passato: la figura diventa più rotonda e torna ad essere bidimensionale.
Insomma, un omino davvero agile ed elegante che non mostra affatto la sua veneranda età di 120 anni. Un simbolo pubblicitario di una delle marche di gomme più famose e che non smette di avere successo.