Pneumatici chiodati: cosa sono e quando utilizzarli

Pneumatici chiodati: cosa sono e quando utilizzarli

29/03/2019 Non attivi Di budapneumatici

Gli pneumatici chiodati rappresentano un’alternativa ormai poco diffusa alle gomme invernali. Si tratta, semplicemente, di battistrada da neve dotati di chiodi (per legge, tra gli 80 e i 160 per ruota), posti all’altezza delle scanalature più profonde del copertone, lunghi non più di 1,5 millimetri.

Pneumatici chiodati: i vantaggi

Le gomme chiodate garantiscono elevatissimi livelli di aderenza e rappresentano la soluzione più stabile su superfici ghiacciate o innevate. La gomma garantirebbe maggior grip e abbatterebbe il rischio di scivolamento in modo più efficace delle semplici alternative invernali, ma anche delle catene da neve. Perché, dunque, gli pneumatici invernali son caduti in disuso?

LEGGI ANCHE: Storia dell’Omino Michelin, simbolo degli pneumatici

Pneumatici chiodati: gli svantaggi

Utilizzare gomme chiodate , d’altro canto, impone il rispetto di taluni limiti di velocità, pari a un massimo di 90 km/h sulle strade extraurbane e di 120 km/h in autostrada, anche in caso di asfalto completamente asciutto. A ciò si aggiunge un problema di tipo prettamente funzionale: la presenza dei chiodi, infatti, causa un aumento significativo del rumore di rotolamento delle gomme, che rende fastidioso il viaggio, soprattutto se il veicolo è occupato da più passeggeri, poiché perfettamente percepibile all’interno dell’abitacolo. Insomma, meglio evitare i battistrada chiodati se avete intenzione di partire con tutta la famiglia.

Pneumatici chiodati: cosa prevede la legge

Contrariamente a quanto molti pensano, le gomme chiodate non sono vietate dal Codice della Strada, che ne disciplina l’utilizzo attraverso la circolare n. 58/71 del 22 ottobre 1971 del Ministero di Trasporti, ormai quasi cinquantenne, ma mai abrogata e, dunque, ancora valida. Secondo le disposizione, l’uso di tali battistrada è precluso esclusivamente ai mezzi pesanti più di 35 quintali. Gli altri veicoli sono autorizzati a impiegare le gomme con i chiodi, purché rispettino quanto previsto dalla legge, ovvero che i chiodi siano lunghi massimo 1,5 mm e di numero compreso tra 80 (per le ruote di piccole dimensioni) e 160 (per quelle di dimensioni grandi).

LEGGI ANCHE: Gonfiare pneumatici con azoto: meglio farlo o non farlo?

Altre disposizioni sulle gomme chiodate

Per legge, se si decide di optare per le gomme chiodate, è obbligatorio che esse siano montate su tutte le ruote, comprese quelle di eventuali mezzi trainati, In ogni caso, il periodo in cui l’utilizzo di tali ruote è autorizzato è quello compreso tra il 15 novembre e il 15 marzo, ovvero durante la stagione fredda. Prefetture e Regioni, in caso di condizioni ed esigenze particolari imposte dalla contingenza del periodo, hanno diritto di deroghe. Occorre prestare attenzione, inoltre, a non violare altre prescrizioni del Codice della Strada in maniera indiretta: le gomme devono essere realizzate a regola d’arte, non devono rappresentare un pericolo per la circolazione né danneggiare il manto stradale né, infine, generare un rumore troppo forte; in caso contrario,si rischia la violazione degli articoli 15, 75, 78 o 155 del Codice della Strada.